Magari domani resto.

Magari domani resto“: il titolo dell’ultimo libro che mi ha conquistata. E mi ha fatto anche piangere. Sì, anche questo. Forse, sono un po’ troppo sensibile in questo periodo?! Può darsi. O forse, è merito della bravura di chi è dall’altra parte, che racconta e ti cattura, che smuove un po’ tutti i sensi e ti fa entrare totalmente nella storia.

Di tutto questo assurdo periodo da cui mi sento travolta e stravolta, una cosa bella c’è ed è proprio questa: l’infinita voglia di leggere e perdermi in altri mondi. Forse è un po’ per scappare da ciò che non mi piace, ma in realtà in tutte queste altre storie, trovo sempre un pezzettino di me. Mi faccio altre domande, trovo alcune risposte, rispolvero vecchi sogni… E‘ strano, ma bello. Riempie.

E anche questa volta, mi sono lasciata stupire. E’ incredibile come siano i libri a sceglierti. L’avevo comprato mesi fa, con una di quelle offerte che spesso si trovano alla Coop: sì, ne approfitto sempre. Una sera, mentre ero lì che mettevo a posto l’ultimo libro letto, c’era questo che spiccava tra gli altri, che mi attirava… non so nemmeno come spiegarlo.
L’ho preso e ho iniziato a leggerlo. Mi ha rapita. Ogni momento era buono per leggerne anche solo due righe… e andavo in ansia come con il finale di stagione dei telefilm: ero curiosa di sapere come andava, ma non volevo arrivarci subito perché sapevo che poi sarebbe finito e mi sarebbe mancato.

Divertente, ben scritto, molto caratterizzato (nelle descrizioni e nei personaggi),
ironico, avvincente…
Sì, tutti bei complimenti!
Se li merita tutti.

Non conoscevo Lorenzo Marone, ma ora sono proprio curiosa di leggere qualcos’altro scritto da lui. Uno stile che mi piace tanto e mi si avvicina molto. “Magari domani resto” racconta di una ragazza di Napoli di 35 anni, con un nome che è tutto un programma, in crisi e piena di dubbi, con rapporti familiari complicati e con alcune sinapsi da chiudere, autoironica (l’ironia ci salverà sempre – ndr- ) e caparbia. Non pensate minimamente a Bridget Jones: non c’entra niente. Un po’ di sfiga c’è, ma non in quello stile! Ah! Ah! Ah! E’ lei il centro di tutto: cosa che dovremmo ricordarci tutte quante e un po’ più spesso.

Non voglio spoilerare troppo, quindi non posso entrare nel dettaglio, ma questa breve descrizione potrebbe attirare almeno la metà delle mie amiche! 😉

Attendo vostre opinioni post lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...